Category Archives

    GUIDE

  • All
  • GUIDA-SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE USANDO SAFARI-MAC

    YouTube è ogni giorno più ricco di contenuti e se siete tra coloro che per lavoro e/o per diletto passano quotidianamente un po’ di tempo in rete, difficilmente trascorrerete una intera giornata senza dare nemmeno una sbirciatina all’ennesimo video virale, oppure ad un vecchio clip musicale. Il difetto maggiore di YouTube è che non è prevista una consultazione offline; meglio sarebbe dire che si tratta di un difetto legato alla qualità della rete od ai suoi costi, ma il risultato non cambia: senza una connessione internet non possiamo vederci i nostri filmati preferiti. In realtà questo è vero solo parzialmente; esistono infatti numerosi metodi per scaricare i filmati di youtube in modo da poterli vedere anche offline sui nostri Mac oppure sui devices portatili; vediamo insieme come fare.

    Cominciamo col dire che tutt’ora è possibile trovare diversi formati di file video, pertanto scaricare un video può richiedere più passaggi: il primo di download vero e proprio ed il successivo (o i successivi) di conversione. Questo è vero soprattutto se stiamo cercando video compatibili con i nostri Mac od iDevices (che supportano nativamente il formato mpeg4) e troviamo in rete video in formato flash (flv).

    Ma vediamo passo passo come scaricare un video da YouTube utilizzando semplicemente Safari.
    La prima cosa da fare è andare su YouTube e navigare sino al filmato che abbiamo intenzione di scaricare. Una volta avviata la riproduzione apriamo la finestra delle attività di Safari mediante la combinazione di tasti alt + cmd + (alternativamente scegliete finestra nella barra del menu di Safari e quindi Attività). Questo è quello che dovreste vedere:
    Nella finestra delle attività troveremo tutte le finestre ed i pannelli di Safari attivi in quel momento e tra questi anche quello corrispondente al filmato che vogliamo scaricare (indicato dalla freccia blu). Apriamo la voce corrispondente al nostro filmato (cliccando sul triangolino grigio alla sua sinistra) e nell’elenco di file che ci compare cerchiamo quello più grande (in genere qualche MB)
    Non ci resta che fare doppio clic su questo file mentre teniamo premuto il tasto alt, in questo modo si avvierà automaticamente il download del file flv che troveremo nella cartella di download che abbiamo impostato per Safari.

    Questo metodo, che sfrutta in modo tutto sommato piuttosto semplice uno strumento di Safari, è però limitato ai soli filmati che sono presenti su YouTube in formato Flash (flv) mentre non è in grado di scaricare quelli in formato mpeg4 per i quali bisogna necessariamente abbandonare (in via temporanea!) Safari e ricorrere a Firefox.

    Il download di un filmato da YouTube mediante il browser della Mozilla Foundation passa attraverso una delle sue innumerevoli estensioni: DownloadHelper.
    Una volta scaricata l’estensione (questo il link per il download) l’icona di DownloadHelper appare nella barra degli indirizzi di Firefox nella parte superiore della finestra del browser (oppure nella barra di stato nella parte inferiore della finestra del browser… pare che per motivi non ben chiari si possano osservare comportamenti diversi tra Mac diversi); a questo punto non ci resta che avviare la riproduzione di un video e fare clic sull’icona di DownloadHelper per vedere l’elenco dei formati e delle definizioni disponibili per quel video. Da segnalare infine che questa estensione di Firefox non funziona solo con YouTube ma anche con MySpace, Google videos, DailyMotion, Porkolt, iFilm, DreamHost ed altri ancora.
    Come vedete, anche in questo caso la soluzione per i nostri problemi o la risposta per le nostre necessità è molto più a portata di mano di quanto si possa immaginare. Voi conoscete qualche altro metodo rapido, veloce e (perché no?) gratuito per scaricare i filmati da YouTube? Fatecelo sapere nei commenti.
    [via]

  • GUIDA – COME ATTIVARE ITUNES MATCH

    In questo articolo vi spieghiamo come attivare il servizio iTunes Match. Continue Reading
  • ESCLUSIVA Clipper Store – INSTALLARE APP CRACCATE GRATIS SENZA JAILBREAK SU IPHONE IPAD IPOD – GUIDA



    Ecco a voi la soluzione che tutti stavano aspettando.  Continue Reading

  • GUIDA: Sbloccare parte telefonica di qualsiasi iPhone con jailbreak

    Locktar_Sun ha realizzato un nuovo metodo che consente di sbloccare la parte telefonica dell’iPhone (qualsiasi modello), utile per tutti coloro che hanno acquistato il dispositivo in un paese straniero dove il Melafonino viene venduto solo SIM-locked. Gli utenti con iPhone 4S italiani non hanno alcun bisogno di seguire questo procedimento che, ripetiamo, permette solo di poter utilizzare il dispositivo con qualsiasi SIM e non solo con quella prevista inizialmente.
    Il nuovo metodo per l’unlocking si chiama SAM (Subscriber Artificial Module) e il relativo tool può essere scaricato direttamente da Cydia. Anche il Dev-Team ha confermato che il procedimento funziona, ma vediamo come poter sbloccare la parte telefonica dell’iPhone (tutti i modelli tranne il 3G).
    1. Effettua il jailbreak del tuo dispositivo utilizzando Redsn0w
    2. Apri Cydia, clicca su Menage e successivamente su Sources
    3. Clicca sul tasto Add in alto a sinistra e nell’apposito box inserisci la repo “http://repo.binger.com”, quindi clicca su “Add Source”
    4. Terminata l’operazione clicca su Return to Cydia
    5. Ora dalle Sources seleziona Binger e scegli il pacchetto chiamato SAM
    6. Ora premi su Install in alto a destra e poi su Confirm per iniziare l’installazione
    7. Riavvia la SpringBoard cliccando su “Reload” e troverai l’icona di SAM (chiamata SAMPRefs) sulla Home del tuo iPhone
    8. Lancia l’applicazione e clicca su Utilities
    9. Ora seleziona De-Activate iPhone
    10. Assicurati che sotto Subscriber Artificial Module la voce Enabled sia attiva, quindi clicca su Method e seleziona “By Country and Carrier”
    11. Ora in Country seleziona il paese della SIM originale (in pratica dove è stato acquistato il dispositivo)
    12. Alla voce Carrier, subito in basso, seleziona l’operatore della SIM originale
    13. Alcuni operatori prevedono l’inserimento del Carrier ID che viene identificato automaticamente e che va visualizzato alla voce SIM ID
    14. Ora clicca su More Information e copia i numeri presenti alla voce IMS sotto SAM Details
    15. Sempre in More Information clicca su Spoof Real SIM to SAM
    16.  Ora torna alla schermata principale si SAM e incolla il codice IMSI nell’apposita voce. Chiudi l’applicazione SAMPrefs
    17. Collega l’iPhone la computer, lancia iTunes e attiva il telefono.
    18. Clicca su Numero di Telefono alla sezione Info di iTunes con iPhone collegato fino 
    a quando non trovi la voce ICCID con relativo numero. Se tale numero non compare, devi ripetere la procedura dall’inizio. Se, invece, il numero compare, scollega l’iPhone dal computer e chiudi iTunes
    19. Riapri SAMPrefs e disabilita la voce Enabled sotto Subrscriber Artificial Module
    20. Ricollega il telefono al computer e lancia nuovamente iTunes
    21. Comparirà un messaggio di errore (Failed to activate). E’ normale, quindi chiudi iTunes e riaprilo nuovamente
    22. Dopo pochi secondi dovresti veder comparire il segnale della tua SIM!
    fonte:iphoneitalia
  • GUIDA : Come sbloccare un iPhone USA AT&T

    Alcuni giorni fa AT&T ha iniziato a sbloccare quegli iPhone acquistati tramite abbonamento negli USA dopo la scadenza dei 24 mesi, allo scopo di consentire agli utenti di poter utilizzare il dispositivo anche con altri operatori. Grazie alla collaborazione con il nostro utente Marco, iPhoneItalia ha avuto modo di appurare che tale servizio di sblocco funziona anche dall’Italia!
    In pratica, tutti coloro che hanno acquistato un iPhone AT&T negli USA (magari da un parente che ha sottoscritto un abbonamento, ma che non aveva bisogno del dispositivo) collegato ad un abbonamento ora scaduto possono chiedere lo sblocco anche dall’Italia. Questo significa che non sarà più necessario utilizzare Ultrasn0w o altri tool per l’unlock della parte telefonica del dispositivo.
    Un esempio ci è stato fornito proprio dal nostro utente Marco, che nel 2009 acquistò un iPhone 3GS dagli USA. Dato che in quel periodo negli USA gli iPhone erano venduti solo con abbonamento, molti americani che avevano sottoscritto un piano tariffario con AT&T rivendevano poi il dispositivo tramite eBay.
    Fino a pochi giorni fa, Marco ha sempre dovuto effettuare il jailbreak con relativo unlock della baseband per poter utilizzare la parte telefonica dell’iPhone, ma dopo aver saputo che AT&T negli USA sbloccava in remoto i terminali ha provato a chiedere lo sblocco direttamente al carrier USA. Come? Segnalando il suo indirizzo e-mail e l’IMEI del telefono all’account @ATTCustomerCare su Twitter. Per effettuare i controlli, però, AT&T ha richiesto i dati del vecchio proprietario dell’abbonamento. Una volta appurato che il terminale non era stato rubato e che il primo acquirente lo aveva legittimamente venduto, AT&T ha iniziato la procedura di sblocco e dopo pochi giorni Marco ha ricevuto un’e-mail di conferma! Il nostro utente ha quindi proceduto a collegare l’iPhone ad iTunes per appurare che lo sblocco è avvenuto senza alcun tipo di problema.
    Ricapitolando, quindi, per chiedere la procedura di sblocco alla AT&T è necessario:
    1. Avere un iPhone proveniente dagli USA e collegato ad un abbonamento AT&T ora terminato
    2. Conoscere i dati dell’intestatario dell’abbonamento AT&T collegato al dispositivo
    3. Inviare al centro assistenza AT&T i propri dati, quelli dell’intestatario dell’abbonamento e l’IMEI dell’iPhone
    4. Attendere pochi giorni per lo sblocco del dispositivo.

    fonte:iphoneitalia

  • GUIDA : Effettuare il downgrade da iOS 5.1 a 5.0.1

    Ecco di seguito una guida dettagliata per il downgrade da iOS 5.1 a iOS 5.0.1 per tutti i dispositivi A4 (iPhone 3GS/4, iPod Touch 3G/4G ed iPad 1).

    Requisiti:
    • I file SHSH di iOS 5.0.1
    • Ultima versione di redsn0w
    • iTunes

    PASSAGGI:

    1. Scarichiamo il firmware 5.0.1 direttamente dai link qui sotto:
    2. Portiamoci all’interno del seguente percorso:
    [WIN]%APPDATA%\Apple Computer\MobileSync\Backup
    [MAC]~/Library/Application Support/Apple Computer/MobileSync/Backup
    3. Spostiamo tutte le cartelle che troviamo in un altra directory.
    4. Effettuiamo un backup del dispositivo (con iOS 5.1).
    5. Ritorniamo nel percorso del passaggio 2 e ad apriamo la cartella nominata con una serie di numeri.
    6. Entriamo in questa cartella ed apriamo il file “Info.plist” e modificate come di seugito:
    Build Version
    9B176
    Product Version
    5.1
    Deve diventare così:
    Build Version
    9A405
    Product Version
    5.0.1
    7. Salviamo e chiudiamo tutto.
    8. Ora apriamo redsn0w e selezioniamo Extras > SHSH Blobs > Stitch e selezioniamo il file .ipsw (Firmware) che abbiamo scaricato precedentemente e seguiamo le istruzioni.
    9. Verrà creato un nuovo firmware che sarà salvato nella stessa directory dove era il firmware di base e sarà nominato in questo modo: XXXXXXXXXXXXX_iPhone3,1_5.0.1_9A405_Restore.ipsw (Dove le “X” stanno per numeri o lettere a seconda del vostro ECID).
    10. Adesso mettiamo il nostro dispositivo in recovery mode.
    11. Colleghiamo il dispositivo ad iTunes e selezioniamo la voce “Ripristina” (tenendo premuto “Shift” su windows, “Alt” su Mac) e selezioniamo il firmware creato in precedenza.
    12. Finito il processo ripristinate il vostro ultimo ed unico backup.
    iPhone 3GS/4, iPod Touch 3G/4G ed iPad 1