Siri conserva le nostre domande per 2 anni

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Oramai tutti sappiamo chi è Siri e cosa può fare, ma non tutti sappiamo che Siri memorizza le nostre domande per ben due anni sul proprio cloud.

 

In merito a ciò, ha dato conferma un rappresentante Apple, e con tale dichiarazione ha richiamato l’attenzione in materia di Privacy. Spesso si sono espresse preoccupazione per gli assistenti vocali digitali come Siri perché memorizzano clip vocali degli utenti, e se questi dati privati ​​potessero essere compromessi. Apple però sostiene che siri memorizza i dati in modo totalmente anonimo, e per soli due anni, dopodiché tutto sarà resettato. Afferma inoltre che anche altre aziende che raccolgono dati da parte degli utenti, come ad esempio Google e industrie di telecomunicazioni, hanno simili politiche di conservazione dei dati in atto. Ancora, afferma l’azienda, che conserva questi file per un massimo di diciotto mesi ai soli fini di miglioramento del prodotto e test vari.

Nicole Ozer, avvocato americano di Civil Liberties Union, che per primo ha espresso preoccupazione per le questioni di privacy in merito a Siri, chiede ad Apple di includere maggiori informazioni sulla privacy pubblicate sulla pagina FAQ di Siri.  Le persone possono rivelare tutti i tipi di informazioni personali quando usano Siri, dichiara l’avvocato, in questo senso  “Siri funziona per Apple.” Lo scorso marzo, Il gigante IBM ha vietato Siri sulla sua rete  per paura che l’assistente virtuale potesse registrare delle informazioni sensibili.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *