Apple, come prima, più di prima

Questa volta Apple un po’ di più ci ha stupito!

L’evento di ieri, con le sue sorprese, i prodotti presentati, può essere ricordato, almeno personalmente con l’evento più bello in questo 2012.

Non tanto per i prodotti in se presentati, anche perchè questo è il primo evento in cui non acquisterò nessuno dei prodotti lanciati, ma per le innovazioni, le novità e sicuramente per quella vena di stupore che è passata nel nostro animo, via via che l’evento andava avanti. Sono balzati, subito alla mente, i keynote di Apple a cui eravamo abituati e come per incanto, niente sembrava essere mai cambiato!

Dimenticato il WWDC, in cui sapevamo tutti prodotti che sarebbero stati presentati e quasi tutte le nuove funzioni di iOS 6; dimenticato l’evento dell’iPhone 5, il cui design e caratteristiche erano note da mesi e mesi. Sono balzati invece alla mente tutti gli eventi storici che ci hanno lasciato a bocca aperta e ai quali la stessa Apple ci aveva abituati.

Si era detto “dopo la morte di Steve Jobs, dimenticatevi della segretezza dei prodotti Apple”, io non ci ho mai creduto, e forse, partendo da questo piccolo passo fatto al keynote di ieri, si può tornare a come era prima.
La strada tuttavia è ancora lunga anche perché ricordo che comunque ieri dell’iPad mini sapevamo già tutto grazie ai rumors degli ultimi mesi.

Il nuovo iMac è stata la più piacevole sorpresa, il suo nuovo design è veramente qualcosa di incredibile, inimmaginabile fino a qualche anno fa, non solo design però, l’upgrade dell’hardware non è da meno.

Per quanto riguarda l’iPad Mini, come già detto nessuna sorpresa, tuttavia questo device, ora come ora, ha la possibilità di spazzare, letteralmente, via tutta la concorrenza, almeno per quanto riguarda i tablet da 7. Infatti, la differenza di prezzo minima e l’appeal, considerando che si tratta comunque di un prodotto Apple, iOS con la sua usabilità e immediatezza, l’app store con la sua quantità e qualità, saranno solo alcuni dei fattori che faranno pendere il consumatore nell’acquisto dell’iPad Mini.

L’unico aspetto di questo keynote, che forse avrà fatto storcere il naso a molti, è stato l’aggiornamento dell’iPad dopo soli 7 mesi dalla terza generazione, tuttavia analizzando a fondo l’insieme della politica Apple si può ben capire come, l’azienda di Cupertino, abbia voluto uniformare i suoi prodotti al connettore Lightning nel minor tempo possibile, per non lasciare solo l’iPad escluso da questa innovazione.

Forse ci siamo, forse si sta finalmente ritornando alla strada giusta, dall’iPhone 5 al nuovo iMac, per il lato hardware in questo 2012, come ha affermato Tim Cook alla fine dell’evento, è stato uno degli anni più innovativi per Apple, stessa cosa non si può dire per il lato software, iOS 6 e Mountain Lion sicuramente non possono essere considerati innovativi, spero possa essere il 2013, a questo punto, il loro anno, staremo a vedere, io in questo caso, ci credo.